COGNE, IL CUORE DEL GRAN PARADISO

Una Perla delle Alpi

Cogne sorge a 1.544 metri di altitudine e la sua vetta più alta, con 4.061 metri, è il Gran Paradiso, unico “quattromila” completamente in territorio italiano. Un tempo importante centro minerario per l’estrazione del ferro, Cogne è oggi una delle Perle delle Alpi, località turistica molto conosciuta, ma tranquilla e accogliente, particolarmente apprezzata per aver saputo sviluppare un’ospitalità di qualità nel rispetto e nella salvaguardia del suo patrimonio naturale. 

Cosa vedere?


- Le miniere di magnetite di Cogne nelle gallerie originali e il Parco Minerario Regionale presso il villaggio dei minatori.
- Il Giardino Botanico Alpino Paradisia per conoscere la varietà della flora alpina e il Centro Visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso.
- Il museo etnografico Maison Gérard-Dayné, esempio dell’architettura tradizionale valdostana.
- La mostra permanente dei pizzi al tombolo, i tradizionali merletti di Cogne.
- La mostra permanente dello scultore Dorino Ouvrier, noto artista di Cogne che espone le sue possenti sculture in legno.
Le miniere di Cogne rappresentano una bella testimonianza di archeologia industriale: sono ben visibili i resti delle teleferiche per il trasporto del materiale, la funivia per i passeggeri che da Cogne arrivava a Colonna e numerosi fabbricati; gli addetti alla miniera potevano infatti usufruire dello spaccio, della biblioteca e persino di un cinematografo. E’ possibile prenotare visite guidate all’interno delle miniere di Costa del Pino.
Da giugno ad ottobre 2021 aperto tutti i giorni con visite guidate alle ore 10.30 e alle ore 14.00. Ritrovo a Costa del Pino – è possibile avventurarsi all’interno della miniera grazie al suggestivo trenino d’epoca per poi proseguire a piedi nel cuore della montagna per una visita che dura circa 2 ore.
Fraz. Cretaz, 8 11012 COGNE
Tel: +39 0165749665
E-mail: info@minieredicogne.it

Cogne offre un’estesa rete di sentieri, percorsi pedonali sulla neve e itinerari per ciaspole, per camminare in ogni stagione nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso.
Con 80 km di piste per lo sci di fondo, Cogne è una delle più rinomate località valdostane dello sci nordico, teatro a febbraio della Marcia Gran Paradiso, gara di gran fondo a tecnica classica. Non manca però lo spazio anche per lo sci di discesa, con alcune piste di media difficoltà e il campo scuola di sci sul prato di Sant’Orso per i principianti. Cogne è conosciuta internazionalmente anche per l’arrampicata su ghiaccio, con oltre 150 cascate. Tra le più famose vi sono le cascate di Lillaz che, durante l’estate, diventano meta ambita dalle famiglie per una piacevole passeggiata.

Cogne è molto apprezzata per aver mantenuto un forte legame con le sue tradizioni: il gruppo folkloristico e corale Lou Tintamaro, i cui componenti vestono l’originale e antico costume, si esibiscono con fisarmoniche e tamburi decorati con nastri colorati e sonagli. Anche la gastronomia locale ripropone i sapori del passato: piatti tipici sono la Seuppetta de Cogne, zuppa a base di riso, pane, fontina, burro e spezie e per i più golosi la Crema di Cogne, con panna, uova e cioccolato. Tra le feste più famose:
- Cantine Gourmet, degustazione itinerante alla scoperta della tradizione vitivinicola valdostana e dei piatti tipici di Cogne.
Gran Paradiso Film Festival, festival internazionale dedicato al cinema naturalistico.
Deveteya, sfilata delle mandrie che a fine estate scendono a valle dagli alpeggi.
- Fiaccolata di fine anno con degustazione del “Mécoulin”, dolce tipico di Cogne, presso il forno di Lillaz.

In inverno sul prato di Sant’Orso viene attrezzato uno snow park con tapis-roulant, gonfiabili, ciambelle e pista sciabile per bimbi. Divertimento assicurato sulla pista di pattinaggio su ghiaccio. Possibilità di passeggiate a cavallo con slitta e, d’estate, in carrozza o con i pony. Alcuni itinerari di fondovalle, come la Valnontey, l’anello sul prato di Sant’Orso e la pedonale per Lillaz sono percorribili facilmente anche con il passeggino. Da non mancare è la visita al Centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso, un laboratorio di sperimentazione, con modelli esplicativi, sistemi multimediali e giochi interattivi, numerosi giochi di ruolo, e un originale “spazio sensoriale” che offre ai visitatori la possibilità di apprezzare i profumi della natura e sentire i suoni caratteristici del bosco.
 
 

Ma vediamo meglio le attrattive che ha da offrirvi il Parco Nazionale del Gran Paradiso:

 
Il Parco nazionale Gran Paradiso si estende su 70.000 ettari di territorio d'alta montagna, tra gli 800 metri di fondovalle e i 4.061 metri del Gran Paradiso. In Valle d'Aosta, il Parco nazionale Gran Paradiso ha tre centri visitatori, a Cogne, Valsavarenche e Rhêmes-Notre-Dame. I centri visitatori permettono di approfondire in ogni stagione i vari aspetti naturalistici dell'area protetta.
La storia del Parco nazionale Gran Paradiso è legata alla protezione dello stambecco. Nel 1856, infatti, il re Vittorio Emanuele II dichiarò queste montagne riserva reale di caccia e salvò così lo stambecco dall'estinzione. Il re creò anche un corpo di guardie specializzate e fece costruire una rete viaria per la protezione della fauna e per le escursioni. Nel 1920, Vittorio Emanuele III donò la riserva allo Stato italiano perché ne facesse un parco. Il Parco nazionale Gran Paradiso fu effettivamente istituito nel 1922.
 
È difficile fare un'escursione nel Parco nazionale Gran Paradiso senza avvistarne gli animali, spesso anche da vicino. Lo stambecco è piuttosto confidente e si incontra facilmente al pascolo. I maschi, riconoscibili dalle lunghe corna ricurve, vivono in piccoli gruppi, mentre le femmine, dalle corna più corte, restano con i piccoli. Anche il camoscio è comune, ma assai più schivo e difficile da osservare.
Altro protagonista del parco è la marmotta, simpatico roditore che scava lunghe gallerie per sfuggire ai pericoli e preparare il letargo invernale.
Tra gli uccelli sono rappresentati i rapaci, come l'aquila reale, e molti piccoli passeriformi. Acquisizioni più recenti del parco sono il gipeto, grande avvoltoio scomparso nel 1912 e tornato sulle Alpi per un progetto internazionale, e la lince, splendido, piccolo predatore.
Nei boschi di fondovalle si trovano larici, abeti rossi, pini cembri e abeti bianchi. Salendo, gli alberi sono sostituiti prima dai pascoli alpini, ricchi di fiori in primavera, poi da rocce e ghiacciai. Tra i fiori rari del Parco nazionale Gran Paradiso ricordiamo: la Potentilla pensylvanica, che cresce nei prati aridi sopra i 1.300 metri; l'Astragalus alopecurus, che si trova solo in Valle d'Aosta; l'Aethionema thomasianum; la Linnaea borealis, un relitto glaciale che ha trovato rifugio nei boschi di conifere; la Paradisea liliastrum, un giglio bianco da cui prende il nome il giardino alpino Paradisia di Cogne.
 
Il centro visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso di Cogne, TutelAttiva Laboratorio Parco, presenta l’evoluzione complessa e dinamica dell’area protetta come in un laboratorio di sperimentazione: modelli esplicativi, sistemi multimediali, giochi interattivi e un originale “spazio sensoriale” che offre ai visitatori la possibilità di apprezzare i profumi della natura e sentire i suoni caratteristici del bosco.
Il percorso espositivo non presenta un percorso lineare obbligato: scegli la tua “strada” a seconda dei tuoi interessi e del livello di approfondimento che desideri.
Village Minier - 11012 COGNE (AO)
Tel: +39 016575301
Sito web: info@grand-paradis.it
 

E perché non coronare il tutto deliziando anche il palato? Dalla nostra esperienza siamo lieti di consigliarvi:

 

  • RISTORANTE BELLEVUE: Il più conosciuto e rinomato della zona, vanta una stella michelin, grazie ad una cucina ricercata ed innovativa. E’ difficile infatti definire la cucina, non si possono usare aggettivi banali quali buona, saporita, creativa, classica... La cucina segue il ritmo delle stagioni, si serve di prodotti freschissimi cucinati al momento. Misurerete la qualità della cucina dalla sua digeribilità e dalla sua originalità, senza mai rinnegare però la tradizione italiana. Lo Chef Fabio Iacovone sarà felice di parlare di cucina con gli ospiti che lo desiderano.
Aperto tutti i giorni
Rue Grand Paradis, 22, 11012 Cogne
Tel: +39 016574825
Sito web: www.hotelbellevue.it
 
  • LA CAVE DE COGNE: Enoteca con cucina, wine bar, tea room e gastronomia d'asporto. Un locale innovativo ma strettamente legato alla tradizione ed al territorio. Grazie alla sua flessibilità, sia come struttura che come orari, saprà stuzzicarvi con una proposta a qualsiasi ora. Tutto viene prodotto in casa, dal pane, alla pasta, ai dolci. Cucina del territorio, ma alleggerendola dove possibile, e un occhio di riguardo per la cucina vegetariana. Spesso, oltre a carni, è possibile trovare del pesce, anche se siamo in montagna. Migliaia le bottiglie di vino, di birre artigianali da poter comprare, degustare per l'aperitivo o da accompagnare al pranzo o alla cena, nel locale dalla sobria ed informale eleganza. Decine sono i tè e le tisane selezionatissime, cioccolata, vin brulé fatti in casa, da sorseggiare con le torte ed i biscottini di produzione propria. Essendo comunque un enoteca, avrete modo di acquistare i migliori vini e liquori locali da portare come souvenir ad amici e parenti!
Aperto tutti giorni dalle 12:30 alle 14:30 e dalle 19:00 alle 21:00
Chiuso Mercoledì
Rue Bourgeois, 50, 11012 Cogne 
Tel: +39 0165 74498
Sito web: info@lacavedecogne.com
 
  • LA BRASSERIE DU BON BEC: Alla Brasserie du Bon Bec si è certi di trovare un ambiente in stile alpino e ricercato unito dalla convivialità che caratterizza queste zone di montagna. Infatti qui potrete assaporare i migliori piatti da condividere come grigliate, fondute ecc. La Brasserie conserva la sua semplicità e il suo buon carattere grazie a piatti popolari e ad una cucina disinvolta che volteggia al ritmo della tradizione.

Aperto tutti i giorni dalle 12:00 alle 14:30 e dalle 19:00 alle 22:00
Chiuso il Lunedì
Rue Bourgeois, 72, 11012 Cogne
Tel: +39 0165 749288
Facili da raggiungere dall’abitato di Lillaz  a 10 minuti a piedi, seguendo un sentiero in porfido, si raggiungono le famose cascate con tre salti d’acqua nel torrente Urtier per ben 150 metri complessivi di altezza.

Le cascate possono essere ammirate nella loro pienezza grazie ai sentieri che le costeggiano e che consentono la scoperta dei tre livelli di cui si compongono, caratteristica questa che le contraddistinguono da cascate più verticali ma che le rendono uniche nel loro genere.
Le cascate sono una facile escursione di un giorno adatta a famiglie con bambini diventata una tra le più note escursioni del territorio. La passeggiata è un percorso classico per chi soggiorna in Valle d’Aosta ed è molto frequentata soprattutto nel periodo estivo. D’inverno, le cascate diventano meta per gli appassionati di arrampicata su ghiaccio.

Newsletter

PER ESSERE AGGIORNATO SU TUTTE LE OFFERTE E PROPOSTE ESCLUSIVE!

Richiedi informazioni

relaisdufoyer it le-cascate-di-lillaz 012
Località Panorama, 37
11024 Chatillon (Ao)
Tel. +39 0166/511251
E-mail: info@relaisdufoyer.it
Credits TITANKA! Spa © 2018